Riflessioni

Norme AIAP per i concorsi

Norme nazionali in base alle norme ico-D / ICSID / IFI
per l'organizzazione dei concorsi di Design

Introduzione
Tipi di concorso
Regolamento a concorso aperto

1. Giuria
2. Partecipazione
3. Scadenza e argomento
4. Anonimato e paternità
5. Esclusione
6. Premi
7. Protezione
8. Copyright e brevetti
9. Sviluppo del progetto
10. Onorario della giuria
11. Doveri della giuria
12. Verbali di concorso
13. Intermediario del concorso
14. Modalità di pagamento dei premi
15. Informazione e divulgazione
16. Restituzione degli elaborati
Regolamento concorso ad inviti


Introduzione

L’intento di un concorso di design è di ottenere soluzioni originali e inedite per un dato problema o tema. A tale scopo, singoli designer o gruppi di designer sono invitati a presentare i propri progetti e dovranno essere messi in palio premi in relazione alla complessità e all'importanza dell'argomento del concorso. Un concorso di design è una procedura in cui due parti, i promotori e i designer, sono coinvolti e interattivi. Perciò il successo di un concorso di design dipende da regole che possono gratificare gli interessi di entrambe le parti. I membri dell'ico-D/ICSID/IFI si impegnano a non partecipare a concorsi di design con regolamenti discordi con quanto di seguito descritto.

Tipi di concorso

Aperto
Per “aperto” si intende un concorso al quale possono partecipare tutti i designer operanti singolarmente o in gruppo. Questo tipo di concorso può essere rivolto e limitato a particolari categorie di designer quali, ad esempio, studenti o designer al di sotto di una certa età.

Ad invito
Per concorso “ad invito” si intende un concorso rivolto a due o più designer o gruppi di designer selezionati dai promotori.

REGOLAMENTI CONCORSO APERTO

1. Giuria

a) I promotori dovranno innanzitutto nominare una commissione di 5 o più giudici (comunque in numero sempre dispari) i cui nomi dovranno comparire nelle condizioni e regole di concorso.
b) La maggioranza dei membri della giuria dovrà essere composta da designer professionisti con competenza specifica al tema di concorso.
c) Nei concorsi a carattere internazionale i componenti della giuria dovranno essere scelti fra differenti nazioni e nessuna nazione dovrà avere una rappresentanza maggioritaria.
d) La giuria dovrà deliberare entro 30 giorni dal termine di chiusura del concorso.

2. Partecipazione

I promotori dovranno chiarire nel bando a quale categoria di designer è indirizzato il concorso.
Essi dovranno dichiarare che persone strettamente coinvolte con il concorso, così come i membri della giuria, saranno esclusi dalla competizione.

3. Scadenza e argomento

a) I promotori dovranno concedere un tempo adeguato alla complessità del concorso (in nessun caso inferiore a tre mesi), tra la pubblicazione del regolamento e la data di chiusura della competizione.
b) Le condizioni e le norme del concorso dovranno chiaramente definire e spiegare il soggetto e le finalità del concorso indicando con precisione quali disegni e/o modelli e specifiche sono richiesti. Il bando dovrà fornire informazioni assolutamente esaurienti su tutti gli aspetti del concorso.
c) Tutti i progetti regolarmente presentati devono essere sottoposti all’esame della giuria.

4. Anonimato e paternità

a) Nessun progetto presentato ha da essere firmato dall’autore, il quale deve dichiarare d’essere tale o recare alcun segno distintivo.
b) Il nome e l’indirizzo del concorrente devono essere contenuti in una busta chiusa allegata al progetto recante un motto ripetuto sul progetto stesso.

5. Esclusione

Un progetto è escluso dal concorso:
a) se ricevuto oltre le 24 ore del giorno indicato come termine di scadenza;
b) se non conforme alle norme del concorso.

6. Premi

a) I premi offerti, in rapporto alla tipologia del concorso, devono essere superiori all’onorario di una diretta commissione professionale.
b) I Promotori devono definire il numero dei premi e il loro valore monetario indicando, inoltre, se la giuria, a sua discrezione, può non assegnare l’'intero premio o dividerlo in altre proporzioni.

7. Protezione

I promotori sono responsabili della sicurezza di tutti i progetti e lavori ricevuti. È consigliata l’assicurazione contro i danni o smarrimento sino alla restituzione delle opere.

8. Copyright e brevetti

a) È facoltà del concorrente preventivamente proteggere la propria opera mediante il deposito di brevetto.
b) Il pagamento del premio in denaro dà ai promotori l’opzione sull’uso dei progetti vincenti per un anno dal giorno in cui la giuria ha consegnato i premi. I diritti di riproduzione sono sempre soggetti al pagamento di un onorario o royalty, e in conformità con le condizioni di contratto delle categorie professionali.
c) I promotori possono richiedere l’opzione per un anno anche sull’uso di un progetto non premiato con un compenso da concordarsi tra le parti.
d) I promotori non possono modificare in alcun modo un lavoro presentato senza il consenso scritto dell’autore.

9. Sviluppo del progetto

a) Qualora il progetto premiato richiedesse ulteriori sviluppi, l’'autore ha la priorità della esecuzione o deve comunque collaborare alla finalizzazione del progetto stesso.
b) Nel’'ipotesi che non sia prevista la realizzazione o la produzione dei progetti ciò deve essere chiaramente espresso nel bando di concorso.

10. Onorario della giuria

Il compenso per i componenti della giuria deve essere valutato secondo i tariffari professionali di categoria. Saranno inoltre rimborsate le spese di viaggio e di vacazione.

11. I doveri della giuria

a) I giudici dovranno essere presenti a tutte le riunioni della giuria.
b) I giudici dovranno eleggere un presidente e decidere sulla procedura di voto.
c) I giudici dovranno esaminare tutti i progetti conformi alle condizioni del bando di concorso.
d) Nessuna decisione deve essere presa dalla giuria se non in sessione completa.

12. Verbale di concorso

a) I giudici devono redigere un verbale sullo svolgimento complessivo del concorso indicando, in particolare, le motivazioni dell’assegnazione dei premi.
b) Una copia del verbale deve essere inviata alla segreteria AIAP / ADI (secondo la specifica competenza) che rappresentano in Italia ICOGRADA / ICSID / IFI.

13. Intermediario del concorso

a) Un intermediario indipendente dovrà essere nominato per agire tra i promotori, la giuria e i concorrenti. Il nome dell'intermediario dovrà essere annunciato nello stesso momento del bando di concorso.
b) L’intermediario deve essere responsabile per il ricevimento dei progetti partecipanti. Deve assicurare che l’anonimato dei partecipanti sia sempre garantito.
c) I partecipanti possono richiedere informazioni per iscritto all’intermediario entro un periodo di tempo dato nelle condizioni e regole del concorso.
d) L’intermediario deve comunicare alla giuria (o a un giudice o più giudici nominati dalla stessa) le domande scritte ricevute dai concorrenti senza rilevarne il nome, e provvedere affinché tutte le risposte date dalla giuria siano trasmesse ai partecipanti entro la data espressa nelle regole del concorso.
e) L’intermediario dovrà aprire i lavori sottoposti dai concorrenti allo scadere del tempo fissato per il concorso, tenere un registro dei documenti e lavori ricevuti e consegnare alla giuria il registro, i documenti e i lavori.
f) A chiusura del concorso e dopo l’eventuale mostra dei lavori, l’intermediario intraprenderà le operazioni necessarie per assicurare la restituzione (qualora prevista) dei lavori ai rispettivi concorrenti.
g) L’intermediario non può fungere da segretario della giuria né partecipare ai lavori della giuria stessa in qualsivoglia maniera.

14. Modalità di pagamento dei premi

a) I premi devono essere consegnati entro 2 mesi dalla data di annuncio dei vincitori.
b) Nei paesi dove esistono restrizioni valutarie è compito dei promotori svolgere le operazioni necessarie per la rimessa dei pagamenti.

15. Informazione e divulgazione

a) È compito dei promotori dare la più ampia informazione possibile, attraverso mezzi opportuni, dei risultati del concorso, relativi vincitori ed eventuali esposizioni, mostre, cataloghi e pubblicazioni.
b) I partecipanti non premiati possono richiedere (per iscritto) che il loro lavoro non venga divulgato.

16. Restituzione degli elaborati

a) La rispedizione degli elaborati non sarà a carico dei promotori.
Entro 90 giorni dal termine di chiusura del concorso i progetti non premiati potranno essere ritirati direttamente dagli autori o da persone munite di delega scritta. Trascorso tale termine i promotori non saranno più responsabili della conservazione degli elaborati senza che ciò comporti rivalsa da parte degli autori.
b) I promotori comunicheranno agli autori dei progetti segnalati i termini e le modalità del ritiro degli elaborati.

REGOLAMENTO CONCORSO AD INVITI

Per questo tipo di concorso si applicano le stesse norme del CONCORSO APERTO e inoltre:
a) Tutti i partecipanti ad un concorso ad inviti devono essere compensati con eguale onorario.
b) Ogni partecipante deve essere informato dei nomi degli altri invitati al concorso.




Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

22 ottobre 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel